Visita a Loppiano

6 MARZO 2011  da Imola a Loppiano

una giornata insieme al Gen Verde

alla scoperta della cittadella del Movimento dei Focolari

.

In questa pagina pubblichiamo i vostri pensieri sulla giornata trascorsa a Loppiano, per ringraziare il Gen Verde dei momenti trascorsi insieme nella nostra diocesi durante la settimana “Giovani in Sinodo” (18-24 ottobre 2010). Potete inviarli al nostro indirizzo email: upgimola@gmail.com

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*

Insieme A Loppiano Per Incontrare Il Gen Verde
6 Marzo 2011: Con Il Nostro Vescovo Per Scoprire Il Carisma Del Movimento Dei Focolari

Tratto dal “Nuovo Diario Messaggero”

E’ una splendida domenica mattina e questa volta ci si alza presto. Sì perchè la pastorale giovanile di Imola ha organizzato per noi una giornata insieme al GenVerde, nota formazione musicale appartenente al movimento dei Focolari. Dove? A Loppiano, cittadella toscana costruita e abitata dagli appartenenti al movimento fondato da Chiara Lubich. “E’ una giornata nata come momento di amicizia per ritrovarsi tra il GenVerde i giovani di Imola” spiega S.E. Mons. Ghirelli, il nostro vescovo “e diventa anche un momento di approfondimento della esperienza cristiana, della capacità che la fede ha di rinnovare tutta la vita umana; anche la città, perché Loppiano è basata esplicitamente sul Vangelo dell’amore”. Scesi dai pullman veniamo introdotti nell’auditorium della cittadella. Ad accoglierci è Anna insieme alle altre ragazze del GenVerde ed introducono la prima parte della giornata con “Rhapsody” tratta dal cd “La coperta del mondo”.  Ma come è nato il movimento dei Focolari? Perchè Chiara Lubich ha voluto fortemente questa enclave? Come si è formato il GenVerde? Il filmato proiettato nell’auditorium è esplicativo: durante i giorni bui della Seconda Guerra Mondiale la giovane Chiara prendendo coscienza delle atrocità della guerra riceve l’ispirazione di vivere concretamente il Vangelo dell’Amore per infiammare l’umanità con la buona novella. Loppiano nasce tra i rovi e le sterpaglie delle colline toscane come luogo d’incontro per uomini e donne di ogni cultura, razza, religione. E’ anche un laboratorio per cercare una nuova via per l’arte e l’economia. Qui tanti giovani scoprono la loro vocazione al matrimonio e al sacerdozio. E’ stato bello ascoltare l’esperienza di Rod e Marzia, un’anziana coppia di sposi ancora felicemente unita, lui americano, lei austriaca, incontratisi grazie all’esperienza dei focolarini e genitori di sei figli nonostante le loro vite tribolate. Oppure sentire ancora l’entusiasmo di don Georg, sacedote svizzero che ha riscoperto la sua missione in seno al movimento. Infine è stato interessante ascoltare l’affascinante provocazione di Giuliana e Giovanni, due coniugi imprenditori seguaci di quell'”economia del dare” che Chiara Lubich ha teorizzato in contrapposizione all'”economia dell’avere”, autentica piaga dei nostri tempi. E il Gen? E la loro musica? Parla Raiveth: “sono panamense e ho incontrato il movimento dei focolari nel mio paese. Ho voluto esprimere con questa musica e con la danza la vita e il desiderio di testimoniare l’amore di Dio e l’amore per il fratello.
”Io sono qui da quattro mesi” spiega Beatrice, dalla Corea “per me l’esperienza del GenVerde è come il calore della famiglia.”
Infine vorrei ringraziare Anna per la sua disponibilità e per averci spiegato l’architettura di Santa Maria Madre di Dio, la modernissima chiesa ove il nostro Vescovo ha celebrato per noi la S.Messa: “ho conosciuto questa esperienza la prima volta venendo in gita a Loppiano. Cercavo un senso da dare alla mia vita. Ho incontrato persone felici di vivere il Vangelo concretamente. Ho capito che l’Amore verso gli altri è l’unica cosa che dà un senso alle cose e alla vita quotidiana.”
E così dopo aver ballato, riso, pregato e meditato insieme al Gen chiudiamo la giornata con “La musica vola” altro brano tratto dall’album “La coperta del mondo”. Lasciamo quindi l’auditorium e la chiesa della cittadella per dirigerci al Polo Lionello, centro commerciale esempio concreto e realizzato di quell’”economia del dare” di cui parlavamo poc’anzi. Dopodichè,contenti, torniamo alle nostre case, grati per quello che abbiamo ricevuto.

Daniele Emiliani

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*

 

Spazio per i vostri pensieri

 

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*

 

LE FOTO

 

–   –   –

 

Guarda altre foto sul sito del Gen Verde!

www.genverde.it

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: