GMG Diocesana 2016

Carissimi amici, 

Colgo l’occasione per poter raccontare e condividere con tutti ciò che stiamo facendo come servizio alla Diocesi e che desideriamo essere un servizio a voi e CON voi.

Sabato 19 marzo u.s. si è svolta la 31° Giornata Mondiale della Gioventù Diocesana che quest’anno aveva una formula nuova….. Diciamo più da GMG.
Me ne sono accorto quando ad un certo punto mi sono trovato in mezzo a tanti giovani con un miscuglio di atteggiamenti: alcuni giovani curiosi, altri condividevano, altri ascoltavano, altri raccontavano, altri chiedevano e altri ancora si salutavano. Si respirava un clima di che esprimeva bene il desiderio dei giovani: stare assieme di fronte a qualcosa di bello.
La realtà si è imposta per tutta la sua originalità. Causa iniziative in centro, abbiamo optato per i giardini di San Domenico che sono risultati fantastici come accoglienza, ambiente e proposta. Le tende della Misericordia
Ciò che ha caratterizzato questa GMG è stata la grande volontà ed energia che le 4 comunità hanno dato per questa iniziativa. Abbiamo notato che le idee ai giovani non mancano e anzi bisogna un po’ calmarli ma, come dice il Papa, è meglio che facciano chiasso piuttosto che stare chiusi in silenzio.
Il clima del montaggio era di entusiasmo e voglia di giocarsi. era la prima volta per tutti noi e le incognite erano tante, a partire dalla disponibilità dei sacerdoti e delle comunità stesse.
Dalla Consulta Diocesana di PG di febbraio era emersa ed era stata condivisa l’idea di una serata per stare assieme e ‘scegliere’ le testimonianze da ascoltare. Ciò ha permesso di conoscere più realtà presenti in Diocesi. Ha permesso di allargare quella idea di cristianesimo che più o meno conosciamo tutti. Ma forse non conosciamo volti, persone ed esperienze.
I frutti di questo giocarsi in piazza e davanti a tutti (una chiesa in uscita) hanno visto un immigrato africano che, terminata una testimonianza sui profughi, si avvicina al gazebo e incomincia a regalare i braccialetti che di solito vende per strada. La gente gentilmente si ritira perché non interessata ma lui insiste: “Ma io ve li regalo, non voglio nulla. Dopo quello che ho sentito sono io a ringraziarvi”. Un altro straniero, armato di fisarmonica, si avvicina per avere qualche soldo. Viene esaudito. dopo pochi minuti si riavvicina e chiede cosa sta accadendo. “E’ un incontro tra giovani che si raccontano la bellezza della vita”. Gli chiediamo da dove viene: “Dalla Romania” ci risponde. Lo invitiamo ad ascoltare una testimonianza che parla di accoglienza attraverso l’incontro con un’umanità nuova. e sbalordito, chiedendo se poteva partecipare, si avvicina e si siede.
Bellissimo vedere alcuni ragazzi dire a tutti che per loro “Cristo è il centro e la risposta alla propria vita”. Un conto è saperlo, un conto è raccontarlo ad altri. L’uscire ci costringe a far emergere cosa ci sta più a cuore. Tra i vialetti dei giardini c’è la possibilità di incontrare altri coetanei, o addirittura compagni di classe: “ma quello che è venuto a sentirci è un  mio compagno di classe. sapevo che frequentava un po’ la parrocchia ma ora non posso più far finta di incrociarlo e basta”. E’ accaduto qualcosa che li rimette in gioco e, se Dio vuole, li unisce di più.
“belle queste testimonianze e anche quella esperienza laggiù – mi dice una educatrice – si potrebbe farla conoscere anche ai nostri ragazzi!? Sarebbe molto utile e bello”. Così l’esperienza di uno passa ad altri per contagio.
Anche il Vescovo si è aggirato nei giardini, tra i gazebo e le persone. Le testimonianze vanno avanti nonostante l’illustre ospite e, compiaciuto dell’evento, ci sostiene ad andare avanti. Anzi fa qualcosa di ‘profetico’: dal momento che non siamo riusciti ad organizzare la cena (elemento chiave e per noi romagnoli e per ogni convivenza) ospita in vescovado una dozzina di ragazzi di Lugo. Perché la GMG non sia solo da spettatori ma anche da protagonisti di relazione.
Qui di seguito si trova un articolo riguardante le Tende di Misericordia -> Le tende della Misericordia
Infine la veglia ha visto ancora una volta, dopo il dicembre scorso, una formula sobria, snella e semplice. Alcuni elementi di testimonianza e condivisione erano già stati affrontati nelle ore precedenti. Rimaneva soltanto un momento di preghiera guidato. Corteo in preparazione alla Porta Santa e con le parole del Vescovo che incita i giovani “ad essere rivoluzionari, controcorrente, dei veri seguaci di Cristo”, preghiamo di fronte a Cristo eucaristico. Intanto alcuni confratelli si rendono disponibili per la confessione. Mi dice uno che ha partecipato: “dal momento che sono entrato in Cattedrale fino a quando mi hai visto (un’ora e mezzo dopo,n.d.r) non ho avuto un secondo libero: ho sempre confessato. E’ stato bellissimo”.
La Misericordia non è una parola astratta ma è molto presente anche nella nostra Diocesi. Lo si è visto anche questo sabato delle Palme. Cristo è ancora vivo e presente. Siamo convinti che questa condivisione possa essere utile a tutti.
La modalità della GMG non la sappiamo e lo vedremo nel tempo, certo è che i ragazzi desiderano essere protagonisti e questo ci permetterà di valorizzare quelle comunità e parrocchie che fanno una bella esperienza di Chiesa e che vogliono raccontarla a tutti. Per far questo ci vuole la disponibilità di tutti. Siamo a servizio per voi e CON voi.
Aggiungo che per la GMG di Cracovia saremo, assieme al nostro Vescovo Ghirelli, 178 ragazzi iscritti finora di cui 4 preti per accompagnarli.
I prossimi appuntamenti saranno: sabato 2 aprile con la serata polacca (ore 20:30 a Zolino, in allegato il volantino) e poi la Santa Messa di giovedì 5 maggio, in occasione delle Rogazioni della B.V. del Piratello.
Invece per il Giubileo dei Ragazzi siamo 90 tra ragazzi ed accompagnatori (vi informo che ci sono ancora posti liberi e che è possibile iscriversi!) e ci ritroveremo giovedì 31 marzo (ore 20.30 a Zolino) per organizzare i dettagli del Giubileo del 23-25 aprile.
Il progetto Estate Ragazzi è già avviato e quest’anno desideriamo valorizzare gli animatori/educatori con il Mandato del Vescovo che si terrà lunedì 23 maggio alle 20,45 a San Prospero.
Per tutto il resto potete consultare il sito diocesano www.upgimola.wordpress.com …e poi siamo sempre disponibili!
Vi rinnoviamo i nostri auguri,
 
dSam e l’Equipe diocesana di PG
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: